Ansia di ricarica addio: in viaggio per l’Italia in auto elettrica

Il racconto di viaggio di oltre mille chilometri in auto elettrica, in giro per il Belpaese, per sfatare il mito dell’ansia di ricarica

Pubblicato il 11 Dicembre 2019

Noleggio dell'auto elettrica Nissan Leaf per un viaggio

Un viaggio di oltre mille chilometri in auto elettrica per dimostrare che l’ansia da ricarica è, in realtà, solo un mito da sfatare.

Protagonista di questa avventura Fabio Grappasonni, tecnico della sede di Spoleto (Perugia) di e-distribuzione, la business line di Enel che si occupa della distribuzione e gestione delle forniture elettriche. L’idea, ricorda, è arrivata l’estate scorsa quando ha provato per la prima volta l’ebbrezza di guidare un’auto al 100% elettrica, la nuova Nissan Leaf Enel X Edition. “Non ci ho pensato su due volte e ho deciso di prenderla a noleggio. Per me era un sogno che si realizzava. Ho sempre avuto la passione per il modellismo: ho iniziato a costruire le prime macchinine teleguidate da bambino. Le facevo muovere alimentandole con una batteria che portavo a tracolla”. Un amore, quello per le vetture elettriche, che non è mai cessato. “In seguito ho cominciato a giocare con le auto radiocomandate e da allora non ho più smesso. Negli ultimi anni sono passato agli elicotteri e agli aerei elettrici, perché l’altra mia grande passione è il volo: appena posso vado a pilotare un piccolo aereo da turismo”.

Iniziano i preparativi

L’auto elettrica arriva ai primi di ottobre: da allora Fabio inizia ad usarla ogni giorno, per percorsi di massimo 100 chilometri. La macchina è silenziosa e molto semplice da guidare, i costi per viaggiare sono davvero minimi e, soprattutto, non inquina. Decide quindi di intraprendere un viaggio più impegnativo, accompagnato da sua moglie. Durerà cinque giorni e da Spoleto si sposteranno, con varie soste, verso Firenze, Lucca, Genova, Pisa, Livorno, Cecina, Volterra e San Gimignano. La vacanza è stata pianificata nei minimi particolari, soprattutto tenendo conto dell’autonomia della vettura (250 chilometri garantiti a ricarica). Per ogni tappa inoltre Fabio ha prenotato alcuni alloggi che offrono la possibilità di ricaricare l’auto gratuitamente, approfittando della sosta notturna. “Prima di partire - ricorda - ho anche scaricato sul mio smartphone l’app di Enel X JuicePass, grazie alla quale sono riuscito ad individuare e prenotare le colonnine pubbliche disponibili, ricaricando l’auto con grande facilità”.

Risorse correlate

Articoli, approfondimenti, case studies e video per utilizzare al meglio l'energia di Enel X.

storie e-mobility

Tecnologia al servizio della velocità: l’anno della MotoE

Il primo motomondiale elettrico si è chiuso con la vittoria dell’italiano Matteo Ferrari. Un campionato spettacolare a cui abbiamo contribuito con le nostre tecnologie per la mobilità sostenibile. Prossimo appuntamento a maggio 2020 per una nuova elettrizzante stagione.

storie e-mobility

MotoE, a Misano tutta l’energia di Enel X

Le nostre tecnologie per la mobilità sostenibile protagoniste al debutto italiano del primo motomondiale interamente elettrico, dal 13 al 15 settembre

storie e-Mobility

Enel X in pista a New York: il futuro dell’e-mobility è adesso

Il mondiale di Formula E si è appena chiuso a New York con la vittoria di Jean Eric Vergne. Per l’occasione Enel X ha lanciato la sua nuova unità di business in Nord America

Questo sito utilizza cookie di profilazione, se prosegui nella navigazione presti il consenso all’utilizzo di questi cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookies Policy.

Accetto

MAYBE YOUR ARE LOOKING FOR...