/apps/enel-x-digital-ecosystem/templates/page-content

il Policlinico Gemelli ricorre alla telemedicina

Contro il coronavirus, il Policlinico Gemelli ricorre alla telemedicina

Con la piattaforma Smart Axistance C-19, sviluppata da Enel X, medici e operatori sanitari potranno seguire da remoto i pazienti affetti da Covid

Pubblicata il 15 DICEMBRE 2020

Un nuovo strumento di telemedicina per assistere da remoto i pazienti affetti da Covid-19 e monitorare in tempo reale le loro condizioni di salute. Si chiama Smart Axistance C-19 e si tratta della risposta alla pandemia che Enel X ha sviluppato e messo a disposizione del Policlinico Universitario Gemelli di Roma. Il programma coinvolgerà 200 pazienti Covid-19 in sorveglianza attiva o isolamento fiduciario.

 

“Nella sanità del Covid e a maggior ragione in quella del post Covid l’innovazione tecnologica sarà una leva decisiva nell’assistenza ai pazienti” ha dichiarato Marco Elefanti, direttore generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS. “È quindi con entusiasmo che abbiamo avviato con Enel X questo programma pilota di assistenza digitale ai pazienti del Gemelli affetti da Covid-19 curati a domicilio. Questa iniziativa è un esempio concreto di continuità assistenziale ospedale-territorio e rappresenta un ambito strategico su cui nel prossimo futuro si dovrà continuare a puntare molto”.

Ricerca e innovazione per contrastare l’emergenza

Le sfide lanciate dalla pandemia hanno dato una spinta significativa al settore ricerca e sviluppo: ambienti di lavoro digitali, intelligenza artificiale e robotica al servizio di industrie e strutture ospedaliere sono solo alcuni dei tanti ambiti che stanno ricevendo un’attenzione sempre maggiore da parte di aziende, investitori e governi di tutto il mondo, con un trend in costante crescita.

 

In particolare, per ospedali e strutture sanitarie, l’emergenza pandemica ha reso urgente l’utilizzo di soluzioni innovative che possano allentare la pressione esercitata sui lavoratori del settore sanitario e aiutare gli stessi pazienti. 

telemedicina

Servizi di telemedicina

Una gamma di opportunità per accrescere il benessere aziendale.

Enel X ha risposto a questa sfida mettendosi al fianco di strutture ospedaliere e operatori sanitari con Smart Axistance C-19, che va ad aggiungersi ad altre importanti soluzioni di assistenza medica da remoto tra cui Smart Axistance Diabetes Control, per la prevenzione e la cura dei pazienti diabetici in sorveglianza attiva.

Che cos’è Smart Axistance C-19?

Questa nuova soluzione si inserisce nel campo della medicina a distanza, o telemedicina, con l’obiettivo di rendere più facile e sicura l’assistenza ai pazienti del Policlinico Gemelli affetti da Covid-19. Attraverso un dispositivo di diagnostica wireless fornito dalla struttura, i pazienti, direttamente da casa, possono misurare i propri parametri clinici (temperatura, frequenza cardiaca, pressione, saturazione dell’ossigeno nel sangue) e inviarli in automatico al personale sanitario.
Lo strumento permette non solo di minimizzare i contatti tra malati e operatori sanitari, con il conseguente decongestionamento delle strutture ospedaliere, ma garantisce anche un monitoraggio costante e alla portata di tutti, attraverso l’utilizzo di una semplice applicazione compatibile con smartphone e tablet iOS, Android e Huawei.

Una Sanità più intelligente e flessibile

La caratteristica davvero innovativa di Smart Axistance C-19 è la flessibilità: l’accesso ai dispositivi di diagnostica wireless è, infatti, garantito non solo al paziente stesso, che può così monitorare la propria cartella clinica, le proprie misurazioni e ricevere notifiche personalizzate legate all’assunzione di farmaci, appuntamenti e televisite; ma anche al personale sanitario, che può consultare, nel pieno rispetto delle norme sulla privacy, anamnesi, posologie e misurazioni, con la possibilità di contattare tramite videochiamata il paziente in caso di criticità.

Capacità d’innovazione premiata, in Italia e in Europa

Le capacità innovative di Smart Axistance C-19 sono state riconosciute dal Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale nel contesto del bando Telemedicina Innova per l’Italia, che ha selezionato le 5 nuove tecnologie più efficaci per contrastare la diffusione del virus e per sostenere le strutture ospedaliere, su un totale di 504 candidature.

 

Inoltre, l’Unione Europea ha inserito lo strumento sviluppato da Enel X all’interno del Common EU toolbox for Member States, un documento che contiene gli strumenti di telemedicina più avanzati sviluppati dai diversi Paesi membri.