/apps/enel-x-digital-ecosystem/templates/page-content

Rinnovabili e solidali

Cantine Settesoli: produttività, eccellenza e sviluppo sostenibile

La cooperativa vitivinicola siciliana si è affidata a Enel X per misurare e incrementare la circolarità dei suoi processi.

Pubblicato il: 16 MAGGIO 2022

Hai bisogno di informazioni?

L'azienda

In principio erano 68. Oggi sono oltre 2.000. Forse, nel lontano 1958, quella settantina di viticoltori non avrebbe immaginato che, a distanza di poco più di mezzo secolo, la realtà che avevano fondato sarebbe diventata un esempio nel settore del vino a livello internazionale, all’insegna dei valori dell’autenticità, dell’innovazione e dell’eccellenza.

 

Siamo a Menfi, in Sicilia, alle porte di Agrigento e del più grande parco archeologico d’Europa: oggi Cantine Settesoli, grazie alla crescita dinamica che l’ha contraddistinta sin dagli esordi, comprende 3 brand globali e 73 referenze di private labels che rappresentano prodotti di alta qualità.

“La nostra è una cooperativa di 2.000 soci che produce la più ampia varietà di uve in Sicilia, 36 cultivar, su 6.000 ettari di vigneto, ossia il 7% dell’intera superficie vitata nell’isola” afferma Giuseppe Bursi, Presidente di Cantine Settesoli. “La produzione annuale è di 20 milioni di bottiglie, l’export rappresenta il 43% del fatturato e raggiunge 45 Paesi nel mondo. Il 70% delle 5.000 famiglie del distretto delle Terre Sicane è coinvolto a vario titolo nell’attività dell’azienda. E ben 1.000 ettari sono coltivati in biologico”. La cooperativa, che raccoglie la produzione vinicola di un vasto territorio della Sicilia Sud-Occidentale, ha intrapreso da almeno un decennio un percorso di innovazione e buone pratiche per ridurre al minimo il proprio impatto ambientale.
Energy Management

Energy Management

Monitora in tempo reale i consumi per accrescere l’efficienza energetica della tua impresa.

economia circolare

Economia circolare

Cambia prospettiva e crea nuovo valore per la tua azienda e i tuoi clienti.

“Il nostro impegno per lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile è sempre stato grande – prosegue Bursi – ma è soprattutto negli ultimi anni, con interventi mirati al risparmio energetico e delle risorse idriche, che il nostro cammino in questa direzione ha visto uno slancio decisivo e pervasivo di tutte le dinamiche produttive”. Grazie a queste pratiche, l’azienda ha già ottenuto la certificazione VIVA e, per alcune linee, anche il marchio SOStain Sicilia. Ma non si è fermata. Appaiono progetti e innovazioni, alcune appena introdotte altre ancora in fase di implementazione, pensate con un nuovo e ambizioso traguardo: raggiungere la carbon neutrality.
Nel frattempo, dopo l’introduzione di un impianto di pressurizzazione che aveva già ridotto di molto l’impiego di acqua, Cantine Settesoli ha fatto un altro passo avanti installando un impianto di generazione di gas ozono e acqua ozonata che diminuirà ulteriormente il consumo di acqua, sfruttando il potere disinfettante dell’ozono per tutte le operazioni di sanificazione. “Il nostro obiettivo è rendere la viticoltura di Cantine Settesoli sostenibile in tutti i sensi – dice ancora Bursi – perché per noi la sostenibilità è uno stile di vita, un’etica, una giusta remunerazione per le uve, la tutela del territorio. E anche un valore aggiunto, soprattutto su mercati sensibili come quello scandinavo, già un nostro riferimento”.
51.5%
Corporate Circularity
Corporate Circularity

Il ricorso al Circular Economy Report

Proprio nel rispetto della filosofia che la contraddistingue, l’azienda, ritenendo utile analizzare in maniera più specifica le proprie potenzialità e individuare le aree di miglioramento, ha deciso di affidarsi al Circular Economy Report di Enel X.

 

Gli esperti hanno preso in esame lo stabilimento enologico nel suo complesso, con la sede centrale, che accoglie gli uffici direzionali e la cantina storica, le unità di vinificazione di Cannitello, Covag e Puccia, e l’unità di imbottigliamento. Il punteggio di partenza sotto il profilo della diffusione dei principi dell’economia circolare a livello corporate è risultato del 51,5%, decisamente buono, proprio grazie alla radicata attenzione dell’azienda alla sostenibilità. 

report di circolarità

Report di circolarità

Misura i benefici dell’economia circolare per la tua impresa.

Tra i punti di forza che il Report ha evidenziato rientrano varie attività mirate a preservare il territorio e a valorizzare la biodiversità, nonché l’impegno nello sviluppo delle comunità locali, l’utilizzo di input biodegradabili al 100%, l’attenzione alla scelta dei fornitori e al tema dei rifiuti prodotti. “Cantine Settesoli pone da anni grande cura nello scegliere materiali riciclabili – conferma Vito Bivona, Chief Financial Officer dell’azienda – nell’incrementare la produzione di energia solare, nel selezionare fornitori con certificazioni ambientali e nell’incentivare l’impiego di sostanze naturali nelle produzioni in vigna”.

 

L’analisi condotta invece sui differenti siti della cooperativa ha indicato un livello iniziale di circolarità energetica variabile dal 14,9% dello stabilimento di concentrazione e rettifica dei mosti Covag (in contrada Mandrazzi, a Menfi) al 33,5% della cantina di Cannitello (nei pressi di Santa Margherita di Belice).

23.8%
Acquisto di energia elettrica green Acquisto di energia elettrica green Acquisto di energia elettrica green
Autoproduzione rinnovabile Autoproduzione rinnovabile Autoproduzione rinnovabile
Gestione smart dell'energia Gestione smart dell'energia Gestione smart dell'energia
Ottimizzazione sistema di illuminazione Ottimizzazione sistema di illuminazione Ottimizzazione sistema di illuminazione
Abilitatori mobilità elettrica Abilitatori mobilità elettrica Abilitatori mobilità elettrica
--> -->
44%

Le indicazioni della Road Map

Le proposte di intervento avanzate dagli esperti di Enel X per elevare i livelli di circolarità dell’azienda comprendono il potenziamento della quota di energia generata da fotovoltaico mediante l’installazione di nuovi pannelli fotovoltaici e il revamping di quelli esistenti, la copertura della restante parte tramite fornitura green con Garanzia di Origine (GO), il miglioramento dell’efficienza energetica di alcuni macchinari e impianti energivori, l’installazione per alcuni siti di un Energy Management System per la gestione dei consumi, l’integrazione di strumenti di sensoristica e dimmering per ottimizzare ulteriormente l’illuminazione, la sostituzione parziale o totale della flotta aziendale con veicoli ibridi e/o elettrici.
Diagnosi e consulenza

Diagnosi e consulenza per le imprese

Il supporto dei più innovativi sistemi di analisi in ambito energetico per permetterti di raggiungere gli obiettivi dell

Inoltre abbiamo intenzione di stipulare nuovi contratti pluriennali per l’acquisto di energia certificata GO e di rinnovare gradualmente la flotta aziendale con veicoli ibridi/elettrici”. Anche per la parte che concerne l’installazione di sensoristica e dimmering per l’illuminazione, Settesoli ha già implementato una combinazione di soluzioni, quali timer astronomici e domotica, mentre sono in fase di installazione due colonnine per la ricarica elettrica dei veicoli, una nella sede centrale e una a Puccia. Dai tanti lavori in corso e in programma risulta evidente che gli elementi evidenziati dal Report e dalla Road Map di Enel X hanno fornito gli strumenti adatti alla crescita dell’azienda e a consentirle di raggiungere ulteriori traguardi sulla strada della sostenibilità.
“Cantine Settesoli – afferma l’ingegnere Davide Tommasi, Responsabile dell’Ufficio Assicurazione Qualità – sta già procedendo all’ampliamento del proprio parco fotovoltaico per la produzione e l’autoconsumo di energia elettrica con un nuovo impianto da 296 kWp su quattro coperture della sede di Puccia, un altro da 131 kWp da installare su sei coperture nella sede centrale, e un terzo da 259 kWp per due coperture del reparto confezionamento e magazzino imballaggi. Stiamo inoltre valutando il revamping dei sette impianti fotovoltaici esistenti”. A ciò si aggiungono altri interventi relativi agli spunti di miglioramento evidenziati dal Report: “Stiamo anche provvedendo a installare un software gestionale per l’ottimizzazione dei consumi – continua Tommasi – e a sostituire le principali utenze energivore con nuovi macchinari ad alta efficienza.
Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici

Accompagniamo la tua azienda nel percorso di sostenibilità.

“Il Circular Economy Report – conclude Tommasi – ha avuto senza dubbio il pregio di indicarci sia le aree con maggiori gap, sia le rispettive soluzioni di miglioramento. Il fatto poi che il Report dettagli tali informazioni non solo a livello corporate ma anche di singolo sito, ci ha fornito altri importanti dati sul livello di sviluppo sostenibile di ciascuno stabilimento, al fine di poter ottenere una crescita omogenea”.