/apps/enel-x-digital-ecosystem/templates/page-content

dopla

DOpla: parola chiave ecosostenibilità

L’azienda del trevigiano produttrice di stoviglie e contenitori per uso alimentare sta già vedendo i risultati ottenuti grazie alla collaborazione con Enel X

Pubblicato il: 13 SETTEMBRE 2021
Da Casale sul Sile, all’interno dell’ampio Parco Naturale Regionale del fiume Sile, a Sušice, ai piedi dei monti della Selva Boema, da Manfredonia, situata nel Parco Nazionale del Gargano, alla spagnola Polinyà, nei pressi di un giacimento fossilifero che ha restituito resti di ominidi e rinoceronti arcaici, c’è un filo “green” che congiunge gli stabilimenti della DOpla. L’azienda trevigiana, nata nel 1964, è oggi leader italiana e tra le principali industrie a livello europeo nella produzione di stoviglie e contenitori per uso alimentare, realizzati in fibra naturale (polpa di cellulosa), in carta/cartoncino o in bioplastica, oltre che in plastica tradizionale riutilizzabile e riciclabile. Un settore che da tempo la vede protagonista dell’innovazione verso la sostenibilità dei materiali utilizzati e dei prodotti offerti. “Effettivamente due dei nostri cinque impianti sono localizzati proprio in aree di pregio naturalistico – racconta Giorgio Elefante, Direttore Generale di DOpla. Quello storico di Casale sul Sile sorge nell’omonimo parco idrico, siamo nel cuore di diversi circuiti naturalistici ciclo-pedonali, mentre quello di Sušice è immerso in una splendida area forestale. Queste scelte logistiche hanno certamente influito sulla nostra sensibilità verso l’innovazione e la sostenibilità, e sulle conseguenti scelte imprenditoriali. Per noi, infatti, i valori fondamentali sono quelli della riduzione degli sprechi delle risorse utilizzate, idriche ed energetiche, nonché il rispetto dell’ambiente e della comunità locale nella conduzione degli stabilimenti”.

La scelta del Circular Economy Report

Non è un caso, dunque, che l’azienda, attenta ai temi dell’impatto ambientale, abbia deciso di rivolgersi a Enel X per migliorarsi, avvalendosi del prezioso apporto del Circular Economy Report. “Nel nostro campo la circolarità è parte integrante – spiega Elefante –dato che usiamo plastica riciclabile. Da sempre, quindi, cerchiamo di coinvolgere il consumatore rispetto allo smaltimento responsabile dei prodotti, comunicando sulle etichette i comportamenti corretti in tema di smaltimento”.


La prima analisi del Circular Economy Report fornisce un “ritratto” dell’azienda, valutando qualitativamente e quantitativamente il livello di diffusione dei principi dell’economia circolare lungo l’intera catena del valore dell’impresa.

Nel caso di DOpla, il livello iniziale, calcolato al 33,5%, è risultato abbastanza buono. Dallo studio di Enel X è emerso che uno dei suoi principali punti di forza, in termini di circolarità, è legato ai rifiuti di produzione. L’azienda ha generato nell’ultimo anno fiscale 165 tonnellate di scarti, di cui il 65% è stato riutilizzato o riciclato.

 

Sotto il profilo dello sostenibilità e dell’economia circolare, dunque, l’impresa veneta mostra già una buona gestione: le strategie aziendali puntano a diminuire le emissioni di CO₂ grazie alla riduzione dell’8,33% dello spessore del film estensibile. “I nostri pallet di prodotto finito – spiega infatti il Direttore Generale – prima di entrare a magazzino vengono tutti fasciati meccanicamente, per motivi igienici e di sicurezza nel trasporto, con filmatura di polietilene. La riduzione di spessore di questa pellicola ci ha permesso di risparmiare risorse nell’imballaggio senza pregiudicare la funzione”.

 

Il quartier generale di Casale sul Sile

Dall’analisi del sito produttivo di Casale sul Sile emerge poi che il punteggio di partenza in termini di circolarità energetica raggiunge il soddisfacente valore di 45,6%, incrementabile lavorando opportunamente soprattutto sull’efficienza energetica e la generazione di energia rinnovabile. “Le caratteristiche dei nostri processi produttivi portano a definire DOpla un’azienda ‘energivora’ – prosegue Elefante. L’indispensabile utilizzo di energia elettrica ci ha fatto riflettere circa quali potessero essere i miglioramenti da attuare per favorire la crescita dell’azienda, legando le variabili economiche a quelle ambientali e sociali
Il lavoro svolto per fornire le informazioni da consolidare nel Report ci ha permesso di prendere coscienza dei nostri punti di forza e di debolezza. Questo processo ci ha consentito anche di dare un contesto a precedenti decisioni orientate verso la sostenibilità, che avrebbero potuto altrimenti apparire isolate: per esempio l’installazione già nel 2010 di un impianto fotovoltaico da 174 kW sulla copertura del magazzino, e quella, nel 2012, di un recuperatore di aria calda prodotta dai compressori per riscaldare gli ambienti di lavoro in fabbrica”.
dopla
Quote alt

Pensiamo che imprese sinceramente determinate a progredire verso la sostenibilità possano trarre vantaggi dal processo che conduce all’elaborazione del Circular Economy Report di Enel X.

Giorgio Elefante

Direttore Generale di DOpla

Le indicazioni della Road Map

Sono tre le principali aree di intervento individuate dagli esperti di Enel X per potenziare ulteriormente i processi aziendali: efficienza energetica dell’illuminazione, gestione dell’energia, introduzione di soluzioni per la mobilità elettrica. “Il tutto si sposa esattamente con quello che DOpla vuol realizzare in futuro – commenta Elefante – lavorando sull’efficienza energetica del fabbricato e ponendosi come obiettivo quello di aumentarla, a cominciare dall’implementazione di un sistema attivo di illuminazione a led. Il secondo aspetto non secondario è la mobilità elettrica, iniziando da un suo graduale inserimento nei brevi tragitti per le commissioni ordinarie. Stiamo infatti valutando di dotarci di veicoli sempre più efficienti sul fronte energetico, per assolvere alle missioni locali. Inoltre si lavorerà su un progetto di installazione di colonnine di ricarica per auto elettriche a disposizione di fornitori e clienti”.
report di circolarità

Report di Circolarità

Misura i benefici dell’economia circolare per la tua impresa

Un ulteriore passo avanti

L’apporto di Enel X ha consentito a DOpla di intraprendere altri progetti mirati: “In un’ottica di miglioramento continuo dell’efficienza energetica dei processi e di maggiore sostenibilità ambientale – spiega l’ingegner Andrea Sartoretto, Chief Technology Officer dell’azienda – grazie alla partnership con Enel X abbiamo installato a Casale sul Sile un impianto di trigenerazione. Attraverso di esso produciamo in contemporanea energia elettrica, termica e frigorifera a partire dalla combustione di gas metano, riducendo il consumo di energia fossile e quindi le emissioni climalteranti: è stato stimato che verrà evitata la produzione di circa 3.430 tonnellate equivalenti di CO₂ all’anno.

L’impianto, inoltre, permette un minor consumo di risorse idriche mediante l’utilizzo di acque di raffreddamento negli impianti a circuito chiuso collegate all’assorbitore del trigeneratore stesso”.

 

Una collaborazione proficua che sta già dando risultati visibili, dunque, e che grazie alle evidenze messe in luce dal rapporto e dalla Road Map stilata potrà consentire di raggiungere altri traguardi. “Abbiamo apprezzato molto l’opportunità di utilizzare una chiave di lettura oggettiva e indipendente per riesaminare il nostro operato sul fronte della circolarità – conclude Elefante. Riteniamo che il rapporto con Enel X abbia un potenziale per DOpla anche nel prossimo futuro. E noi ci faremo trovare pronti”.