/apps/enel-x-digital-ecosystem/templates/page-content

Bonifiche Ferraresi: il primo smart district agricolo d'Europa

Il progetto si è aggiudicato la Best in Class del premio Sodalitas

Pubblicata il 12 MARZO 2018

L'energia della terra e del sole si incontrano nei campi di Bonifiche Ferraresi, dove l'elettricità green e smart di Enel porta l'agricoltura nell'era dell'industria 4.0. Nel rispetto della grande tradizione agroalimentare italiana e nel segno dell'innovazione e della sostenibilità di un nuovo modello di filiera.

 

È così che nascono nuovi modelli di business che, utilizzando i vantaggi delle nuove tecnologie, permettono di ottimizzare i processi e di incrementare la sostenibilità ambientale.

Il primo smart district agricolo d'Europa

Questa storia di innovazione, sostenibilità e nuovi servizi è frutto della partnership siglata nel giugno 2016 tra Enel e Bonifiche Ferraresi, la più grande azienda agricola italiana, con circa 5.500 ettari di superficie agricola, e appezzamenti di terreni in Romagna, Toscana e Sardegna. Da questa intesa ha preso forma quello che a tutti gli effetti può diventare il modello di “fattoria smart”, con un pacchetto di servizi studiati su  misura e integrati, che include le più moderne soluzioni tecnologiche per l’efficientamento, l’accumulo di energia e la mobilità elettrica. 

 

Un modello replicabile non solo per i grandi player della filiera ma anche per la miriadi di piccole e medie aziende agricole che sono l'eccellenza agroalimentare Made in Italy.

"Quello proposto a Bonifiche Ferraresi è indubbiamente un progetto altamente innovativo, proiettato nel futuro del mercato elettrico. Un mercato che cambierà enormemente sia nel breve che nel medio termine e che ci obbliga a utilizzare strumenti completamente diversi da quelli utilizzati fino ad ora." spiega Massimiliano Francone, Business-to-Business and Business-to-Government, Country Italia di Enel X.
"Per la partnership con Bonifiche Ferraresi," continua Francone, "la nostra Global Business Line ha messo a disposizione tutte le tecnologie sviluppate in Enel per progettare l'autoconsumo energetico sia da un punto di vista tecnico che finanziario andando a coordinare i comportamenti di consumo e produzione in maniera sostenibile ed efficiente."

Un pacchetto chiavi in mano

Le soluzioni offerte a Bonifiche Ferraresi includono l'installazione di due impianti fotovoltaici, rispettivamente da 200 e 500 KW, abbinati a uno storage elettrico, costituito da una batteria Tesla da 100 KW, che permetterà di produrre e autoconsumare energia elettrica durante le ore del giorno, immagazzinarla quando non serve e metterle a disposizione della rete quando è più conveniente.

In questo sistema è inoltre integrata una infrastruttura di ricarica per la mobilità elettrica, formata da 3 stazioni di ricarica di tipo tradizionale e una di tipo bidirezionale, ovvero la tecnologia Vehicle to Grid (V2G),

La tecnologia è sviluppata da Enel dove l'auto elettrica viene ricaricata ma può essere anche utilizzata come storage elettrico, a supporto e bilanciamento della rete elettrica.

 

Nella proposta infatti sono previsti anche servizi di noleggio a lungo termine di 5 veicoli elettrici e 20 bici elettriche, oltre alla semplice commodity, con la fornitura di elettricità dalla rete e di  gas metano.

Un approccio al mercato del demand response

Con questo progetto la nostra e-Solutions proietta il settore dei servizi energetici a valore aggiunto nella nuova dimensione del demand response, con notevoli opportunità di sviluppo non solo per le aziende dell'agricoltura, ma per tutti i consumatori piccoli, medi e grandi.

 

Questo ampliamento dello spettro, sottolinea ancora Francone, arriva dall'abilitazione di quello che viene chiamato il mercato del Demand Response: “Immaginiamo, in un prossimo futuro, cosa può succedere quando decine di migliaia di auto elettriche faranno rifornimento: in rete avremo flussi di energia che dovranno essere gestiti.

E in questo nuovo contesto, un cliente come Bonifiche Ferraresi potrà andare a vendere l'energia che ha prodotto con il fotovoltaico e immagazzinato nel suo storage, oppure offrire servizi di bilanciamento della rete o di regolazione di tensione e frequenza.

 

Non possiamo fermare i grandi cambiamenti del mercato elettrico che stanno arrivando. Li dobbiamo affrontare invece con energia, flessibilità e grande spirito innovativo. Per cogliere ogni opportunità."

Innovazione e sostenibilità dall'energia al campo

Nell'ambito della partnership con Bonifiche Ferraresi, Enel ha messo a disposizione anche il suo ecosistema di innovazione, portando i manager dell'azienda nel nostro Innovation Hub di Tel Aviv. Qui è stato possibile per Bonifiche Ferraresi valutare startup in ambiti diversi per cercare le soluzioni più adatte alle esigenze dell'azienda stessa. Alla fine sono state selezionate tre startup con cui la società agricola avvierà a sua volte delle partnership. Tra queste una è già operativa e prevede l'implementazione di un sistema di sensori che monitorano lo stato di irrigazione e applicando algoritmi di previsione, doserà l’acqua da utilizzata nell'irrigazione, con risparmi sui consumi di acqua ed energia di circa il 25%.
“Enel – spiega Ernesto Ciorra, direttore Innovazione e Sostenibilità di Enel - ha aiutato Bonifiche Ferraresi nel percorso di innovazione ed è stata aiutata da Bonifiche Ferraresi a capire i bisogni peculiari dell'agricoltura."

Una visone e un approccio multidisciplinare, che è valso al progetto che lega Enel e Bonifiche Ferraresi di aggiudicarsi, il 10 ottobre, il premio speciale “Best in class” alla 15esima edizione del Sodalitas Social Award: ossia il più prestigioso riconoscimento italiano alle imprese e alle organizzazioni che, con le loro iniziative, guidano la via al futuro sostenibile, tramite la promozione di crescita economica coniugata ai valori dello sviluppo sostenibile, dell’innovazione e dell’inclusione sociale.