/apps/enel-x-digital-ecosystem/templates/page-content

La riqualificazione del condominio di Viale Murillo

Pubblicata il 27 OTTOBRE 2019

Al numero 10 di viale Murillo, sulla “circonvallazione esterna” di Milano, sorge un condominio di cinque piani che, per quanto non sembri diverso da quelli che lo circondano, rappresenta un caso unico in Italia. Un esempio pionieristico di un nuovo modo di fare riqualificazione energetica, basato non solo su tecnologie efficienti, ma anche su un meccanismo di incentivi capace di ridurre drasticamente l’impegno economico degli abitanti.

Motore di questa iniziativa è stata Enel X, che ne ha spiegato i contorni del progetto VIVI MEGLIO, il 15 ottobre in occasione dell’inaugurazione dello stabile. Tra i presenti, il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, Legambiente Lombardia e le altre aziende coinvolte: Teicos Group, che ha progettato e realizzato gli interventi di riqualificazione, e Rockwool, che ha fornito i pannelli di lana di roccia per il cappotto isolante.

Un caso emblematico

Quello di viale Murillo 10 è un caso emblematico per vari aspetti. Ha visto, per esempio, la cooperazione virtuosa tra associazionismo, amministrazione pubblica e aziende. Inoltre, quello milanese è stato il primo condominio in assoluto in Italia a cumulare gli incentivi per la riqualificazione energetica nazionale con quelli locali, approfittando dell’Ecobonus e del contributo del bando BE2 del Comune di Milano. "Un residente è venuto a conoscenza degli incentivi attraverso la campagna di informazione Condomini Efficienti di Legambiente Lombardia - ha spiegato Luigi Lavizzari, amministratore dello stabile - e da lì abbiamo coinvolto le aziende, che sono state molto chiare nell’indicare i vantaggi dell’intervento. Anche per questo gli inquilini hanno deciso di procedere". 
Infine è stato adottato il vantaggioso meccanismo del credito d’imposta, “uno strumento attraverso il quale i soggetti che realizzano l’intervento, nell’ambito delle agevolazioni Ecosisma ed Ecobonus, possono acquisire il credito maturato dagli inquilini" ha spiegato Alessio Torelli, Amministratore unico Enel X Italia S.p.A..

Il ruolo di Enel X

Che cosa ha fatto Enel X in concreto? «Oltre a fornire la pompa di calore a gas che ha sostituito il vecchio impianto a gasolio con un notevole risparmio energetico, - ha detto Torelli - abbiamo contribuito ad acquisire il credito maturato dal condominio, dando l’opportunità a tutti gli abitanti dello stabile di pagare materialmente soltanto la parte non incentivata dell’intervento, cioè circa il 30%”. Non poco, se si pensa che il costo totale dei lavori è stato di 350mila euro. Anche il Sindaco di Milano ha sottolineato l’importanza di questo tipo di interventi.
“Il tema dell’efficienza energetica degli edifici è di grande attualità, e si sposa con l’emergenza climatica e la nuova sensibilità ambientale. Il Comune di Milano ha stanziato 23 milioni per la riqualificazione, di cui 4,5 milioni già erogati a beneficio di 118 condomini. E ci adoperiamo per sensibilizzare gli operatori ad acquisire il credito, che è un importante vantaggio fiscale, ma che, diluito in dieci anni, perde di efficacia e di appetibilità per i cittadini”. Per Sala quello di viale Murillo è un esempio da replicare in tutta Italia.

Tecnologie e non solo

In particolare cosa è stato fatto nel condominio milanese? “È un progetto che ci ha impegnato per due anni”, ha spiegato Cecilia Hugony, amministratore delegato di Teicos Group partner Enel X. “Abbiamo dapprima condotto un’indagine per capire le criticità dell’edificio e poi proposto la realizzazione di un cappotto esterno in lana di roccia per ridurre la dispersione termica e la sostituzione della vecchia caldaia a gasolio con una pompa di calore a gas ad assorbimento. Abbiamo quindi realizzato un modello virtuale, un gemello digitale dell’edificio, che ci ha indicato come, con queste soluzioni, sia possibile abbattere i costi di riscaldamento di circa l’80%. I lavori sono durati 4 mesi”.

 

Paolo Migliavacca, Business Unit Director Italy & East Adriatic di Rockwool, ha invece illustrato i vantaggi della lana di roccia.

“Abbiamo fornito pannelli spessi 14 centimetri che sono stati collocati nel solaio e sulla superficie esterna, inclusa la facciata ricostruita rispettando i decori originali. La lana di roccia ha un elevato potere isolante, sia dal punto di vista termico che acustico, aspetto importante in una zona trafficata come viale Murillo. Inoltre è un materiale non combustibile, quindi estremamente sicuro”.


Fatto l’impianto, però, occorre anche usarlo bene. “Non basta investire in tecnologie, - ha evidenziato Marzio Marzorati, vicepresidente di Legambiente Lombardia - occorre anche utilizzare gli impianti in maniera corretta, cosa alla quale i cittadini non sempre sono preparati. Per questo motivo siamo molto attivi in campagne di informazione e di sensibilizzazione per diffondere un nuovo modo di vivere il condominio, migliorando la qualità della vita e dell’ambiente”.

VIVI MEGLIO: la nuova energia che il tuo immobile vuole

Un tema che sta a cuore anche a Enel X. “La nostra strategia per migliorare l’efficienza energetica degli edifici risponde all’obiettivo generale di tutto il gruppo Enel di utilizzare l’energia nella maniera più efficiente e ottimizzata possibile” ha concluso Torelli.

 

Come è stato fatto a Milano: un modello di efficienza coniugata alla sostenibilità.

Vivi Meglio

La linea di business di Enel X dedicata al 110% e alla riqualificazione del patrimonio immobiliare italiano