Cos’è possibile fare per le spese sostenute negli anni 2020, 2021 e 2022?

Per i soggetti che sostengono, negli anni 2020, 2021 e - solo in caso di Superbonus - 2022, spese per gli interventi di efficientamento energetico e/o messa in sicurezza sismica è possibile optare, in luogo dell'utilizzo diretto della detrazione spettante, alternativamente per:

  • un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi, e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d’imposta, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti;
  • la cessione di un credito d'imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti.

 

La scelta tra queste due opzioni può essere effettuata a ogni stato di avanzamento dei lavori (SAL). In caso di interventi che beneficiano dell’aliquota al 110% (Superbonus), i SAL non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo e ogni SAL deve essere almeno il 30% dell’intervento stesso.

 

Scopri i prodotti di Enel X nel nostro shop.

Chi può usufruire dei benefici introdotti dal DL Rilancio?

SCOPRI DI PIÙ

Detrazione del 110%: cos’è e quando è possibile ottenerla?

SCOPRI DI PIÙ

Le spese per i tecnici abilitati rientrano tra quelle detraibili per gli interventi?

SCOPRI DI PIÙ